Chiesa Santa Maria del Gesù

Eretta nel a metà circa del XVI secolo (prima, la chiesa di sorgeva fuori le mura, sull'attuale via XXX Gennaio), la Chiesa di Santa Maria del Gesù è un prezioso esempio di architettura rinascimentale, che riprende lo stile quattrocentesco della precedente chiesa fuori le mura. Al suo interno, sulle navate laterali, si possono ammirare interessanti dipinti di Vito Carreca, rappresentanti San Domenico e San Francesco, nonchè altri due probabili suoi dipinti (ma non vi è alcuna sicurezza a riguardo) raffiguranti Santa Elisabetta e la Vergine Maria. Le navate laterali sono chiuse, a destra dalla monumentale cappella ad opera del Gagini, dedicata alla Madonna degli Angeli, e a sinistra dalla Cappella del Santissimo Crocifisso, ove, il Venerdì Santo, quasi contestualmente all'uscita dei Misteri dalla Chiesa del Purgatorio, viene riproposta la discesa dalla Croce, momento altamente suggestiva, fatta al buio, con la sola luce solare che filtra dalle vetrate della navata centrale.
Per i trapanesi, nonostante non in molti sappiano come è fatta all'interno, la chiesa prende il nome di "santamaraggesu".